Quel “burino” di un sovietico…

Fino a metà settimana ero iscritta a ben due gare domenicali che si svolgevano contemporaneamente: il campionato di sci di fondo UISP a Monte Livata e la corsa podistica detta il Lunghissimo di Stimigliano, un ondulato percorso in Sabina per veri somari di classe provenienti da tutto il Centro Italia. Ma tra venerdì e sabato era tanta l’attesa per l’arrivo della perturbazione siberiana che stava per saltare tutto: con la gara di fondo sospesa dagli organizzatori non rimaneva che il lunghissimo di Stimigliano, anche quello a rischio.  Ma con il Runners Rieti Tour di Felice stiamo in una botte di ferro. Questo circuito di gare non si sospende per il freddo e il maltempo. Mai. Ai corridori somari non li ferma neanche il Buran. Loro con le intemperie ci sguazzano alla grande! Mi sveglio la mattina, guardo dalla finestra e dico: “se po’ fa’”. Arrivo a Stimigliano, ridente paese su una collina nella Valle del Tevere, con un sole che spacca le pietre. Sento lo speaker tutto gasato insistere: “Er Buran, er burino russo qua nun ce fa gnente, noi c’avemo er soleee”. Partiamo ottimisti lungo i due percorsi di gara, un giro 14 km, 2 giri 28 km. Io sono iscritta per la gara breve di 14, rapida e indolore, una distanza che mi si confà, soprattutto per l’ondulato profilo altimetrico e per il fondo asfaltato. E infatti giungo terza, vecchia ciabatta, dietro a una giovane atleta campana. Gli è che in contemporanea ben altre gare si stanno disputando. Al palazzetto di Ancona,  si stanno svolgendo i campionati Italiani su pista Indoor, e una temeraria Marcella si cimenta in una sorta di eptathlon, partendo dal 400 m agli 800 passando per il salto in alto, mentre a Cassino, i nostri intrepidi atleti giovani, capitanati da Nonno Ugo e dal Lord Nothing, scortati dal Presidente e dalla Direttrice, sfidano gli elementi e le ciminiere del frosinate in un percorso campestre pianeggiante ma semiallagato dalle piogge dei giorni precedenti. E mentre penso a loro e alle loro virtuose imprese mi sento quasi in colpa per aver vinto in maniera irriguardosa nella corsa dei tapascioni una stagionatissima spalla di maiale. Che volgarità… Però poi rifletto sul fatto che qualcuno dovrà pur sporcarsi le mani (e i piedi) affinché in questa squadra si mangi qualcosa di solido durante i raduni e i baccanali sociali… o no? Mi avvio verso casa e a mezzogiorno ancora c’è il sole, ma intorno a Monte Gennaro è già tutto scuro. “Quando il Gennaro mette il cappello, scappa munello che fori piove”. Il meteo metteva pioggia all’ora di pranzo. E infatti, puntuale come un “Nulli” svizzero, alle 13,00 arriva la pioggia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *