La Valchiria sulla neve (per tacer del Sardo)

Quest’anno lo Snow Trail dei Monti Simbruini si preannuncia caldo e sciroccoso. (Si può dire? Boooh).

Mi avvio da Palombara pensando di trovare sul posto 3 dei nostri,  Pierluke Gayhopper, Roberto detto il Sardo e Alessandra la Valchiria. Il primo non si presenta, il secondo si presenta vestito quasi in tenuta primaverile, forse pensando di essere sulla spiaggia di Cala Gonone, la terza, neanche fosse la regina delle nevi,  giunge attrezzata per una spedizione documentaristica in Himalaya, con tanto di ramponi, webcam, abbigliamento termico da alta quota. Come al solito fa la sua porca figura. Io che arrivo in altezza  allo stacco di una sua coscia sono un po’ intimorita, al traguardo mi staccherà in volata di ben 10 metri. Comunque la gara è sempre duretta, non c’è che dire. Caldo si, rispetto ai meno 15 dello scorso anno, ma la neve trasformata della serie ci corro sopra manonsocosacitrovosotto è infingarda. Parto subito acida, come il mio solito. Sul single track in salita, dove tutti si incolonnano camminando,  incomincio a strillare che non è una passeggiata, bensì una corsa e che i camminatori si spostino e che vadano a fare una passeggiata tra la neve, ecc ecc… Mi faccio dunque subito riconoscere tant’è che qualcuno commenta con  “La signora c’ha fretta…”, e qualcun altro prova durante il percorso ad arpionarmi con i bastoncini. Tra salite e discese, all’ultimo anche divertendomi, arrivo al traguardo. Nel complimentarmi con gli ex colleghi guardiaparco per l’ottima riuscita della manifestazione, esprimo le mie rimostranze per non essere stata premiata. Troppo vecchia per arrivare al podio! Ma come non contemplare, il 7 gennaio, un  premio speciale per l’aiutante della Befana?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *