Evviva “Nonno Ugo”! (ma chi è… ma chi è…UGO Robot?)

Il campionato cross Master è la gara di noi anziani…. Non parlo necessariamente dell’età anagrafica, anche se nell’ambito della mia squadra io sono una delle più “nonnette”, ma di certo gli assoluti stanno ai master come i lavoratori stanno ai pensionati. Il mio non è certo un tono derisorio, anzi, devo dire che anche tra le categorie più elevate non manca la qualità ed è un piacere vedere forti atleti, seppur con qualche capello bianco spingere ancora sul terreno di gara, a volte a fronte di un risicato allenamento e uno stato di forma precario. Vedi Cacciamani e il nostro Ugo, secondo di categoria, che con i suoi bei baffetti da sparviero, fa ancora mangiare la polvere ai pischelli… ad avercene, così! E che dire del bel passo felpato British Style del Lord Nothing artigliante le ghiacciate zolle erbose dei prati adiacenti allo Stadio Guidobaldi di Rieti? Chiudono la partita rifondarola un anziano Novaro ringalluzzito dalla prospettiva di un weekend di fuoco con la sua bella (Marcella bella) e un ancor anagraficamente giovane Vastiho, provato dallo stress da superlavoro, poverino, impegnato com’è per pagare la pensione a tutti ‘sti anziani! La componente femminile della squadra è composta da due attempate signore ultracinquantenni, di cui una, con forti velleità agonistiche finisce addirittura sul podio (vi lascio indovinare quale delle due) per la gioia del suo focoso amante, agognante una favolosa serata intima stile  Mandrake e Gabriella in “Febbre da cavallo”  e l’altra perennemente provata dall’overtraining compulsivo da 15-20 km al giorno, che fa una mezza a un ritmo più veloce che un 5000 in pista, che per fare un cross di 4 km deve scaldarsi minimo per un’ora e venti e comunque poi non va neanche a calci.

La seconda delle due, una povera vipera che, pur rischiando l’ipotermia durante la prima fase del riscaldamento, ce la mette tutta in questa gara che mai avrebbe fatto se non per una serie di motivi riconducenti al nobile spirito dell’amicizia. In preda a dubbi e rodimenti, iniziati la sera precedente alla gara in una galleria d’arte (eh già), snervata dal Vasta che le soffiava sotto il naso un quadro oggetto di un acquisto compulsivo, non si sarebbe avviata in quei di Rieti e avrebbe dato senz’altro una bella sola a diversi compagni di squadra, meritevoli di siffatto sgarro, ma mai al Lord Alex Nothing, in attesa presso Pianabella di Montelibretti, la mattina dell’11, a -2°C, pronto per la partenza verso la gelida conca reatina.

Giunta sul luogo dell’appuntamento, la sottoscritta ha anche provato a deviare l’incorruttibile Lord proponendo come alternativa un lunghetto a -4°C nella sottostante Valle della Fiora ma, dopo un breve conciliabolo la risposta all’unisono fu: “s’ha d’annà… è per il bene di Ugo, che ci tiene tanto!”. Giunti allo stadio Guidobaldi di Rieti, stretto nella morsa del gelo e della galaverna, approntiamo questo cross con i nostri compagni facendo, diciamo, una non indegna figura. Supero anche la stizza per la soffiata del quadro di Vasta (raffigurante un ameno paesaggio notturno su Monterotondo Scalo) quando il Vasta stesso, all’arrivo, mi incoraggia con uno sferzante (daje Pa’, strigni i denti che è finita e tanto nun è morto nessuno!). Lì capisco che una tipa mi sta facendo la volata e che sto perdendo il 5° posto di categoria.

Concludendo non posso far altro che citare la prestazione di Francesco Guerra, figlio del nostro capitan Ugo, che vince facilmente il suo cross, volando letteralmente sul prato. Uno stile e una classe che ricorda il padre, anche se secondo me, come sempre, il merito è tutto della madre… Aleeeeee Valentinaaaa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *